lunedì, 17 dicembre 2018

Vaccini: il Fact-checking dell’agenzia DIRE smentisce accuse Di Battista

Il 16 gennaio scorso, il pentastellato Alessandro Di Battista ha postato un video su Facebook nel quale si indignava per non esser riuscito a far vaccinare suo figlio di pochi mesi. Nella sua denuncia si lamenta della mancanza di personale e, come già detto, di non aver fatto il vaccino a Di Battista Junior. Urla, vene che si gonfiano in pieno stile Beppe Grillo, ma come la politica ci insegna, non si può sentire solo una campana; a questo punto ci è sorto un dubbio: non si sarà mica inventato tutta questa sceneggiata per fare campagna elettorale all’amica Lombardi tentando di indebolire il presidente Zingaretti?! Noi per indole non siamo cattivi e non pensiamo male, però non possiamo restare in silenzio quando un’accusa (anzi più di una) come quella di Di Battista viene smentita. Ci ha pensato l’agenzia di stampa DIRE che questa mattina si è recata nello stesso centro dell’Asl Roma 1, in via Plinio, a parlare con il direttore, Roberto Ieraci. Chiarissime le parole del direttore che riportiamo qui sotto e chiara soprattutto la situazione di normalità che garantisce le cure e i servizi ai cittadini all’interno di questa struttura. Questa mattina c’erano 4 sportelli aperti, due con operatori Cup, un addetto alle vaccinazioni pediatriche e una alle vaccinazioni internazionali. In servizio erano presenti tre medici e tre infermieri.

“In questa struttura vengono vaccinati bambini, adulti e soggetti ad alto rischio per malattie specifiche– ha spiegato il direttore della Uoc vaccinazioni dell’Asl Roma 1, Roberto Ieraci- Il sistema di accesso è misto: in parte per appuntamenti, anche per venire incontro alle istanze della legge sui vaccini, e in parte per accesso libero. Io sono un sostenitore dell’accesso libero per le vaccinazioni pediatriche proprio per rispettare la tempistiche del calendario vaccinale 2017-2019″.

“Sono molte le persone che si rivolgono da noi, ma con un po’ di pazienza tutti vengono vaccinati– ha sottolineato Ieraci- Mediamente ogni giorno sono 110-120 gli utenti vaccinati. Quindi basta venire in questo centro, avere pazienza e ci si riesce a vaccinare”.

“Il personale qui c’è- ha concluso Ieraci- Tutti lavoriamo per riuscire a vaccinare più persone possibili. Ripeto: basta avere un po’ di pazienza“.

Di Battista perdonaci la domanda: il personale in regola, vaccini effettuati senza disattendere le aspettative, ma allora tu che film hai visto?

Fonte: http://www.dire.it/22-01-2018/166547-vaccini-una-mattina-in-centro-asl-roma-1-accesso-libero-nella-meta-dei-casi/