mercoledì, 14 novembre 2018

Regionali: anche per i sondaggi in mano a Berlusconi, Zingaretti è avanti

Si avvicinano le elezioni regionali nel Lazio. Il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti ha deciso di ricandidarsi, per il movimento 5 Stelle sarà Roberta Lombardi la grillina scelta per insidiarlo; oltre a loro si è candidato Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice che si è auto eletto “sindaco del Lazio” e per ora scheggia impazzita di questa tornata elettorale. In alto mare ancora il centro destra tra indecisioni sull’appoggio allo stesso Pirozzi, – frenati dalla figura poco moderata e l’ostinazione a non ritirarsi vista dagli ambienti di Forza Italia come un ricatto – e la scelta di un fedelissimo del partito che però ancora ufficialmente non si è trovato. Forse però questa forte indecisione potrebbe essere dettata da qualche altro fattore come scrive questa mattina su Il Messaggero, Marco Conti: “Se si seguisse il sondaggio già in possesso del Cavaliere, Gasparri non avrebbe avversari visto che è quotato al 24%, due punti sotto la Lombardi, undici da Zingaretti, ma con Pirozzi al 7%. Senza il sindaco di Amatrice il senatore azzurro rientrerebbe in partita, ma Pirozzi non intende mollare e quindi la scelta deve tener conto di una indisponibilità che molti in Forza Italia vorrebbero cavalcare accettando che il sindaco diventi il candidato unico del centrodestra, mentre altri contestano duramente l`eventualità di un candidato esterno che più volte si è scagliato contro i partiti che ora dovrebbero appoggiarlo”.

Da queste poche righe emerge un dato ormai abbastanza chiaro e che già una serie di sondaggi hanno evidenziato in questi giorni: l’attuale governatore Zingaretti è avanti nei sondaggi, anche per quelli in mano a Berlusconi. Preso atto di questo, come proveranno a uscire da questa palude pregna di indecisioni e paure?