domenica, 19 agosto 2018

Raggi e Lombardi unite dalla “libera scelta” sui vaccini. Follie a 5 Stelle

Nemiche nella vita, ma unite nel voler andare contro ad una legge dello Stato: quella sull’obbligo dei vaccini soprattutto per i più piccoli. Protagoniste ancora una volta, Virginia Raggi e Roberta Lombardi. La prima ha scatenato un putiferio chiedendo a Governo e Regione di permettere anche ai bambini non vaccinati degli asili della Capitale di poter andare lo stesso a scuola; la seconda ha invece prontamente dichiarato di lasciare libera scelta ai cittadini del Lazio sulla questione vaccini. Forse queste due signore non sanno che esiste una legge che OBBLIGA i bambini ad essere vaccinati per poter frequentare la scuola. Il Ministro della Salute, Lorenzin, addirittura il presidente dell’Istituto Superiore di Sanita’ Walter Ricciardi hanno usato oggi parole di incredulità sulla proposta della Raggi che ormai sembra davvero all’angolo. Addirittura sulla pagina Facebook della sindaca sono arrivati commenti pessimi dei cittadini di Roma. Ve ne proponiamo alcuni:

“Continuo ad essere sconcertata dalle uscite della Sindaca. Visto che si tratta soprattutto di bambini da 0 a 6 anni, non mi sembra grave che saltino dei giorni d’asilo, mi sembra invece grave che la salute di bambini molto piccoli che non possono essere vaccinati debba essere messa in pericolo”.

“Considerando, che essendo una legge dello Stato non può essere disattesa da nessuna mozione comunale e, considerando che un avvocato dovrebbe saperlo, l’unico pensiero che mi viene in mente è quello del più becero sciacallaggio elettorale”.

“Caro Sindaco di Roma, le regole vanno rispettate. Se c’è una legge, di importanza vitale come questa, va rispettata. Conosco benissimo le difficoltà incontrate ma, come al solito, le persone che vogliono rispettare le regole le hanno rispettate. Ripeto: con sacrifici enormi. Ma la legge va rispettata. Con un comportamento cosi ondivago da parte delle istituzioni chiunque si sente legittimato ad infrangere le regole, siano esse piccole regole di convivenza civile o questioni più importanti”.

Insomma, tirando le fila di questo discorso: ci troviamo davanti a delle dichiarazioni (quelle della Raggi e della Lombardi) davvero scellerate. Qui stiamo parlando della salute dei nostri figli. All’interno delle nostre Istituzioni non possono esserci ambiguità o tesi ANTI VAX che mettano in pericolo la vita dei cittadini. Gli esaltati e gli urlatori vanno isolati e a loro non va dato credito. Non può esistere libera scelta, deve esistere quello che è giusto.