sabato, 23 giugno 2018

Per Roberta Lombardi è esistito un “fascismo buono”.

E’ passato poco tempo dal Giorno della Memoria, ma la nostra di memoria ci ha riportato ad uno dei tanti scivoloni e passi falsi dell’onorevole Roberta Lombardi. La grillina, da poco eletta capogruppo alla Camera dei Deputati, parlava così di Casa Pound e dell’ideologia del partito di Iannone.

“Da quello che conosco di Casapound, del fascismo hanno conservato solo la parte folcloristica (se vogliamo dire così), razzista e sprangaiola. Che non comprende l’ideologia del fascismo, che prima che degenerasse aveva una dimensione nazionale di comunità attinta a piene mani dal socialismo, un altissimo senso dello stato e la tutela della famiglia. Quindi come si vede Casapound non è il fascismo ma una parte del fascismo. E quindi solo in parte riconducibile ad esso”.

Quindi: libertà azzerate, italiani mandati a morire in tutto il mondo per una guerra scatenata da Mussolini, ebrei italiani deportati e uccisi nei campi di sterminio, italiani costretti al confino, squadrismo, un paese devastato. Però dai di che ci lamentiamo, il duce ha bonificato l’agro Pontino… Quello che consigliamo all’onorevole Lombardi è di prendere totalmente le distanze da quegli anni bui e di farsi una passeggiata alla Fosse Ardeatine o un viaggio ad Auschwitz; magari poi cambia idea!