lunedì, 15 ottobre 2018

Paola Taverna e Roberta Lombardi unite dalla passione antivaccinista

Roberta Lombardi e Paola Taverna, compagne di partito e a quanto pare anche compagne di ideologie no vax da brave grilline. Entrambe mai apertamente ammettono le loro posizioni ma subdolamente si nascondono dietro la classica frase “noi siamo per la libertà di scelta”, così se tutti scegliessero di non vaccinarsi, sarebbe una vera e colossale tragedia. Ma non ce la fanno proprio questi 5 Stelle ad accettare quello che la scienza ha già accertato? I vaccini posso salvare vite, il pressapochismo può causare danni irreparabili.

Durante un convegno, di recente tra gli applausi la Taverna ribadisce che “un bambino non vaccinato è un bambino sano” e non un untore. Il che è senza dubbio vero, fino al momento in cui quel bambino sano non si ammala di una malattia prevenibile con la vaccinazione. Ma la Taverna va oltre ricordando che quando era piccola quando aveva un cugino con una malattia esantematica “facevamo la processione a casa di mia zia”. Ai più attenti non sarà sfuggita la strizzatina d’occhio a quelli che organizzano i morbillo party. Ma la cosa interessante è che la Taverna – e i genitori in sala – accettano tranquillamente il rischio correlato al morbillo ma non quello (decisamente minore) relativo alla vaccinazione. Senza accorgersi che entrambe le “procedure” sono forme di immunizzazione, solo che una delle due (la vaccinazione) è più sicura dell’altra.

Cosa succederà quando il M5S andrà al governo, chiede un genitore che sui vaccini ha la sua “sensibilità”, verrà abrogata la legge Lorenzin? Prima la Taverna dice “eccerto” poi fa capire che i tempi sono tutt’altro che certi e che in ogni caso un governo a 5 Stelle non può tollerare la presenza di dieci vaccini obbligatori. La Taverna “rispetta le idee di quelle persone che non vogliono vaccinare i propri figli” e spiega che “per consentire a loro di fare la propria strada” va messa in atto una campagna di sensibilizzazione “agli altri”. In pratica i no-vax possono tranquillamente continuare a fare la loro libera scelta perché si sarà qualcuno che si farà carico del “rischio” al posto loro. E questo per il futuro governo a 5 Stelle pare essere perfettamente accettabile, anzi, è così che dovrebbero andare le cose.

Fonte: https://www.nextquotidiano.it/paola-taverna-vaccini-santarcangelo-di-romagna/?utm_source=dlvr.it&utm_medium=twitter