sabato, 20 ottobre 2018

LA RAGGI RIMANDA I PROCESSI COME BERLUSCONI. AVRA’ IMPARATO DA PREVITI?

Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, ha affidato ieri al suo profilo Facebook la notizia della richiesta, avanzata dai suoi legali, di giudizio immediato per il processo che la vede indagata con l’accusa di falso ideologico per la nomina di Renato Marra. Una notizia che non è passata inosservata e che ha fatto emergere il dubbio che la sindaca abbia voluto rimandare il procedimento a dopo le elezioni del 4 marzo per non rischiare di indebolire il movimento grillino. Tra le reazioni del Pd della Capitale, Giovanni Zannola, offre uno spunto interessante ricordando il passato da praticante della Raggi nello studio Previti, famoso consulente legale di Silvio Berlusconi.

Credits: ANSA/ANGELO CARCONI

 

“Oggi molti quotidiani nazionali ricordano come ormai l’unico obiettivo del M5S al governo di Roma sia quello di ‘cojonare’ i romani come ha fatto ieri il Sindaco Raggi per giustificare la scelta, legittima in quanto strategia difensiva, di spostare il processo che la vede coinvolta per falso a dopo le elezioni. Un comportamento simile a quello di Silvio Berlusconi che tra un legittimo impedimento, un certificato medico e una leggina ad hoc e’ riuscito in diverse occasioni a sminare i suoi appuntamenti giudiziari in momenti delicati della sua vita politica. Sembrerebbe, quindi, che Virigina Raggi abbia imparato qualcosa dallo studio Previti, noto consulente legale di Berlusconi, dove ha svolto il suo praticantato e dove non avrebbe solo fatto fotocopie come dice lei”.